NEW La leggenda della Vecchia Quercia

NEW La leggenda della Vecchia Quercia

NEW La leggenda della Vecchia Quercia

Gli auguri di Buona Pasqua con una Fiaba <3

La Vecchia Quercia

LA LEGGENDA DELLA VECCHIA QUERCIA

In un Bosco sereno la quiete si perse per le istanze del Male, che s’imponeva e pretendeva spazio. Dapprima sotterranee e silenti poi manifeste, infine violente.

Il Bosco si agitò: le Creature idealiste combatterono, le sensibili piansero, le sagge mediarono, le religiose invano persuasero, le pazienti attesero e le combattive attaccarono… eppure, nonostante ciascuno donasse le proprie qualità, unite per l’unico fine sperato, la serenità in quel Regno pareva perduta per sempre, il Male esisteva ed esigeva potere e spazio di governo.

La Vecchia Quercia, la più saggia e tenace del Bosco, li sorprese e propose un giorno una mediazione: “d’accordo Male esisti e chiedi spazio, troviamo un tempo in cui siano le forze del Bene a governare ed un tempo in cui tu lo potrai fare”.

Le altre Creature, buone come la Quercia, si animarono e protestarono, si udivano sparsi i commenti: “no, non dobbiamo cedere” “La Vecchia Quercia è impazzita non sa quel che dice” “Ma come, adesso lo riconosciamo e concediamo potere al Male?” “Mai! Combatterò fino alla morte!”.

La Vecchia Quercia pareva non udirli, restava sicura e autorevole, pacifica e consapevole al punto che il vociare piano si fece sommesso, finché solo il silenzio calò nel bosco e persino il tempo forse si fermò.

Riprese con solennità e queste parole: “Durante la primavera e l’estate regnerà il Bene, tu Male sarai silente e per nessun motivo le tue forze potranno essere d’ostacolo alla serenità sovrana. Quando gli alberi da rigogliosi si faranno spogli e quando infine l’ultima foglia cadrà all’autunno, solo allora sarà il tuo tempo e sarai tu a governare”.

Il Male prontamente accettò, pareva un’equa distribuzione del potere quella che sollecitava la Vecchia Quercia. Le Creature amiche si strinsero avvilite e sconfitte, qualcuno sentiva l’ingiustizia, qualcun altro la frustrazione, c’era chi restava nella delusione, qualcuno imbarazzato, eppure tutti indistintamente si pacarono nella Resa.

Passò l’estate più serena di sempre, le fioriture e i raccolti furono i più abbondanti, nacquero moltissimi cuccioli di ogni specie; il tempo passava e quando l’autunno iniziò ad avvicinarsi, tutte le Creature cominciarono a ricordare il patto e tristezza e timore da un lato e smania e frenesia dall’altro, presero posto nel Bosco. Solo la Vecchia Quercia dall’invincibile calma, rincuorava paziente e sicura.

Ogni giorno il Male controllava le foglie cadere e si preparava bramoso a prender governo, vibrando di entusiasmo e d’impazienza.

Eppure, sì gli alberi cedevano pian piano le foglie all’autunno ma NON la Vecchia Quercia: le sue foglie appassivano, si seccavano tuttavia non si staccavano dai rami.

Il Male aspettava inquieto, attendeva il vento e poi la neve e i temporali… ma nulla faceva cedere la Vecchia Quercia che continuava a trattenere le foglie a sé con la Forza di chi sa.

Qualche Creatura amica cominciava a comprendere il Piano e sorrideva straripando d’Amore per la saggezza della Vecchia Quercia che aveva salvato il Bosco e che lasciò cadere le foglie secche soltanto quando sospinte dalle nuove, giovani e fresche, e non lasciò nemmeno un solo istante i suoi rami spogli.

E fu così che da quel giorno, proprio come la prima Grande Madre, tutte le Querce del mondo, solide e tenaci, trattengono le vecchie foglie per le nuove.

Qui e ora le forze d’Amore e di Luce regnano sovrane. E Qui e Ora è per sempre.

 

In questo giorno, in questa Pasqua, l’augurio che viene dal cuore è che ciascuno abbia la forza e la tenacia di portare la propria croce e di realizzare il proprio Compito, di essere CHI è venuto per essere e possa trovare nel proprio volto il volto di Gesù che oggi ci mostra la via per risorgere.

Con amore

Alessandra

No comments.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *